NSI – Needles and Sharp surgical devices Incident

Dai dati disponibili in letteratura, si stima che solo in Italia si verificano circa 100.000 “esposizioni percutanee” l’anno e, con un’incidenza pari al 41%, rappresenta l’infortunio occupazionale più frequentemente segnalato tra gli operatori sanitari configurandosi, quindi, come vero e proprio “rischio professionale” anche per la possibilità di trasmissione di gravi malattie (infezioni da HIV, HBV…).

Con il Decreto Legislativo n. 19 del 19 febbraio 2014, “Attuazione della direttiva 2010/32/UE che attua l’accordo quadro, concluso da HOSPEEM e FSESP, in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario” è stato aggiornato il D.Lgs. 81/08 con il nuovo Titolo X-bis (Protezione dalle ferite da taglio e da punta nel settore ospedaliero e sanitario) che consiste di sei articoli, dal 286-bis al 286-septies.

Le disposizioni del titolo X-bis, si applicano a tutti i lavoratori che operano nei luoghi di lavoro interessati da attività sanitarie, alle dipendenze di un datore di lavoro, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, ivi compresi i tirocinanti, gli apprendisti, i lavoratori a tempo determinato, i lavoratori somministrati, gli studenti che seguono corsi di formazione sanitaria e i sub-fornitori.

La Regione Emilia Romagna da tempo ha previsto l’introduzione, controllata e progressiva, di Dispositivi Medici pungenti/taglienti dotati di meccanismi di protezione (NPDs – Needlestick Prevention Devices) in grado di evitare il rischio di puntura (riferimento Linee di indirizzo e criteri d’uso dei dispositivi medici con meccanismo di sicurezza per la prevenzione di ferite da taglio o da punta – Direzione Generale sanità e politiche sociali della Regione Emilia Romagna – Febbraio 2015).  

La letteratura disponibile evidenzia come, l’adozione di tali dispositivi, sia in grado di garantire una forte riduzione delle punture accidentali se però il personale addetto si attiene alle procedure di sicurezza e utilizza gli strumenti di protezione messi a disposizione.

Ma questo solo in presenza di un’adeguata consapevolezza del singolo operatore sui comportamenti da adottare sia durante l’utilizzo dei dispositivi, sia in caso di un evento incidentale.

DOCUMENTI

Scopri il Database utile alla migliore comprensione degli specifici fattori di pericolo associati all’uso dei Dispositivi Medici taglienti/pungenti e ai sistemi adottabili per la riduzione/eliminazione dei rischi.
ESPLORA
Per rispondere alle esigenze dei nostri visitatori e per meglio soddisfare le loro richieste, il sito è in costante aggiornamento. Il progetto, infatti, è in evoluzione e oltre a prevedere l’inserimento di ulteriori documenti relativi al tema dei NSI – Needles and Sharp surgical devices Incident, abbiamo in progetto di pubblicare dei video tutorial sull’utilizzo dei dispositivi medici con meccanismo di sicurezza per la prevenzione di ferite da taglio o da punta, così come presenti  Linee di indirizzo e criteri d’uso della Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna (edizione 2015). Ti invitiamo quindi a collegarti ancora in futuro per verificare gli aggiornamenti. Per eventuali osservazioni e/o proposte, ti chiediamo cortesemente di inviare una mail a presedente@eursafe.eu. Il tuo contributo ci potrà aiutare a rendere sempre migliore questo sito e contribuirà alla migliore diffusione della conoscenza su questa particolare tematica che interessa i lavoratori e le lavoratrici del settore sanitario.  
Grazie della tua collaborazione!

NEWS

aggiornamenti_tematici

Taglienti e pungenti: quali rischi?

I risultati dell’indagine condotta nel 2017 dall’Osservatorio italiano sulla sicurezza di taglienti e pungenti per gli operatori sanitari, indicano che il 68% degli infermieri intervistati dichiara di mettere in atto almeno un comportamento scorretto nello svolgimento delle proprie mansioni.

LEGGI »